STATISTICHE INTERNAZIONALI

Alcuni sondaggi mostrano che quasi la metà dei frequentatori di discoteche europee ha sperimentato lo sballo della cocaina.

La cocaina è la seconda droga illegale più diffusa al mondo. Recenti statistiche indicano che la confiscazione di cocaina, a livello internazionale, è in costante aumento ed ora siamo arrivati ad totale di 756 metri cubi, i maggiori quantitativi di droga vengono intercettati in Sud America, a cui fa seguito il Nord America.

Secondo “l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze”, la cocaina è anche la seconda droga illegale più comunemente usata in Europa. Tra i giovani (dai 15 ai 34 anni) si stimano 7,5 milioni di consumatori, che l’hanno utilizzata almeno una volta nella vita, 3,5 milioni nell’ultimo anno e 1,5 milioni nell’ultimo mese.

Negli Stati Uniti, nel 2006, “L’Ufficio dei Sondaggi Nazionale sull’uso di Droga e sulla Salute” mostra che 35,3 milioni di americani dai 12 anni di età in su, ha riportato di aver usato crack. Tra i giovani di età compresa tra i 18 ed i 25 anni, il tasso di utilizzo era del 6,9%. Tra gli studenti delle scuole superiori, l’8,5% di alunni avevano usato cocaina almeno una volta nella loro vita, secondo l’Istituto Nazionale per l’abuso di droga nel 2006.

Negli Stati Uniti, la cocaina continua ad essere la droga illecita più frequentemente usata, come segnalato dal Network di Allarme Droga dei servizi di emergenza ospedalieri. Ci sono stati 448.481 visite al pronto soccorso che coinvolgono casi di cocaina, nel 2005.

“Il mio amico assumeva droga da quattro anni, durante tre dei quali assumeva droga pesante come la cocaina, l’LSD, la morfina e molti antidepressivi e antidolorifici. A dire il vero, assumeva qualsiasi cosa su cui riusciva a mettere le mani. Si lamentava in continuazione di dolori terribili al corpo e peggiorava sempre di più finché alla fine andò a consultare un medico.

Il medico gli disse che non si poteva far niente per lui e che a causa del deterioramento del suo organismo non avrebbe vissuto a lungo. Nel giro di pochi giorni, era morto.”
- Dwayne