EFFETTI DEL CRACK

QUALI SONO GLI EFFETTI A BREVE TERMINE DEL CRACK?

Col crack attraversi una fase breve e intensa in cui ti senti “su”, alla quale seguono immediatamente una profonda depressione, nervosismo ed un forte desiderio di una maggior quantità di droga. Le persone che ne fanno un uso frequente spesso non mangiano o non dormono in modo appropriato. Possono sperimentare un forte aumento delle pulsazioni cardiache, spasmi muscolari e convulsioni. Questa droga può far sentire le persone paranoiche, 1, arrabbiate, ostili e ansiose, anche quando non si trovano sotto il suo effetto.

Indipendentemente dalla quantità o dalla frequenza nell’uso, il rischio di attacco cardiaco, ictus, crisi o collasso respiratorio, che possono dar luogo a morte improvvisa, è maggiore.

Fumare crack può dare origine anche a una serie di gravi rischi alla salute. Il Crack è spesso mescolato con altre sostanze che creano fumi tossici se bruciati. Dato che il fumo del crack non rimane potente a lungo, le pipe di crack sono generalmente molto corte. Questo spesso porta ad avere labbra crepate e con vesciche, conosciute col nome di “labbra da crack” dovuto al fatto che i consumatori hanno una pipa rovente appoggiata sulle labbra.

“L'unica cosa che avevo in mente era il crack. E se qualcuno te lo offre, lo afferri al volo e lo prendi. È come offrire un panino a un uomo affamato che ha camminato per chilometri…

Le cose sono precipitate dopo aver fumato per due settimane di seguito. Un giorno ho semplicemente deciso che non ne potevo più, non potevo vivere in quel modo. E tentai il suicidio.

Dovrò ricominciare a lottare…Spero di recuperare il mio istinto di sopravvivenza.” – John

QUALI SONO GLI EFFETTI A LUNGO TERMINE DEL CRACK?

In aggiunta ai comuni rischi associati all’uso di cocaina, i consumatori di crack potrebbero sperimentare seri problemi respiratori includendo tosse, respiro affannoso, danni ai polmoni ed emorragia.

Gli effetti a lungo termine causati dall’uso di crack comprendono seri danni al cuore, al fegato e ai reni. I consumatori sono più predisposti a contrarre malattie infettive.

Un uso continuo e giornaliero causa la perdita del sonno e di appetito, che risultano in malnutrizione. Fumare il crack può anche portare ad un comportamento aggressivo e paranoico.

Visto che il crack interferisce con i processi chimici del cervello, una persona ha bisogno di assumerne quantità sempre maggiori anche solo per sentirsi “normale”. Coloro che diventano dipendenti dal crack (come per la maggior parte delle altre droghe) perdono interesse per le altre aree della vita.

(Per gentile concessione di infoImagination.org)

La fine della sensazione di esaltazione causata dalla droga provoca una forte depressione, che ogni volta diventa sempre più profonda. Questo può divenire tanto serio che una persona farà quasi ogni cosa sia necessario fare per procurarsi la droga, anche commettere un omicidio. E se non può averla, la depressione diventa così intensa che può portare chi ne è dipendente al suicidio.

“Sono andato in pensione come dirigente di successo che aveva due figlie al college, e mi ero guadagnato il mio pensionamento. La mia festa di pensionamento fu, tuttavia, l’inizio di cinque anni d’inferno. Fu lì che iniziai a fare uso di crack per la prima volta. Nei successivi cinque anni, persi la mia casa, mia moglie, tutte le mie risorse finanziarie, la mia salute, e quasi la vita. Passai anche due anni in prigione.”William


Effetti fisici e mentali

EFFETTI A BREVE TERMINE

Venendo fumato, gli effetti del crack sono più immediati e più intensi della cocaina sotto forma di polvere.

  • Perdita di appetito
  • Aumento del ritmo cardiaco, della pressione sanguigna, della temperatura corporea
  • Compressione dei vasi sanguigni
  • Respiro affannoso
  • Pupille dilatate
  • Disturbi del sonno
  • Nausea
  • Iperstimolazione
  • Comportamento stravagante, eccentrico e qualche volta violento
  • Allucinazioni, ipereccitabilità, irritabilità
  • Allucinazione tattile che crea l’illusione di cimici che si muovono sotto la pelle
  • Intensa euforia
  • Ansia e paranoia
  • Depressione
  • Forte desiderio della droga
  • Panico e psicosi
  • Convulsioni, colpi apoplettici e morte da alti dosaggi.

EFFETTI A LUNGO TERMINE

  • Danni permanenti ai vasi sanguigni del cuore e del cervello, pressione alta che porta ad attacchi di cuore, ictus e morte
  • Danni al fegato, ai reni e ai polmoni
  • Intensi dolori al torace
  • Collasso respiratorio
  • Malattie infettive ed ascessi se viene iniettata
  • Malnutrizione, perdita di peso
  • Grave carie dentaria
  • Allucinazioni uditive e tattili
  • Disfunzione sessuale, danno riproduttivo e sterilità (in ambo i sessi)
  • Disorientamento, apatia, esaurimento
  • Irritabilità e disturbi dell’umore
  • Maggior frequenza di comportamenti irresponsabili
  • Delirio o psicosi
  • Depressione grave
  • Assuefazione e dipendenza (anche solo per averla usata una volta)
  1. 1. paranoico: sospetto, diffidenza o paura di altre persone.