ANTIDOLORIFICI: UNA BREVE STORIA

Gli oppiacei, che causano un’elevata assuefazione derivati dal papavero da oppio, sono stati usati per migliaia di anni sia per scopi ricreativi sia per scopi medici.

Per gentile concessione di AP Wideworld

Gli oppiacei, derivati in origine dal papavero da oppio, sono stati usati per migliaia di anni per divertimento o a scopi medici. La sostanza più attiva nell’oppio è la morfina, il cui nome deriva da Morfeo, il dio greco dei sogni. La morfina è un antidolorifico potentissimo, ma dà anche molta assuefazione.

Nel XVI secolo, il laudano, oppio preparato in soluzione alcolica, veniva usato come antidolorifico.


Per gentile concessione di AP Wideworld

La morfina è stata inizialmente estratta dall’oppio in forma pura agli inizi del XIX secolo. Fu ampiamente usata come antidolorifico nella Guerra Civile Americana e molti soldati ne divennero dipendenti.

La Codeina, una droga meno potente che si trova nell’oppio ma che può essere sintetizzata (creata dall’uomo), è stata isolata per la prima volta nel 1830 in Francia da Jean-Pierre Robiquet, per rimpiazzare l’oppio grezzo nell’utilizzo a scopi medici. Viene usata principalmente come rimedio per la tosse.

La morfina, la sostanza attiva dell’oppio, è un potentissimo antidolorifico che ha reso dipendenti molti soldati della Guerra Civile Americana.

Per gentile concessione di AP Wideworld

All’inizio XIX secolo, aumentò l’uso dell’oppio per divertimento e nel 1830 la dipendenza a questa droga da parte della popolazione britannica raggiunse il livello più alto di tutti i tempi. Gli inglesi mandarono navi da guerra sulle coste cinesi nel 1839 in risposta al tentativo da parte della Cina di arrestare il traffico di oppio, dando inizio alla “Prima Guerra dell’Oppio”.

Nel 1874, dei chimici che cercavano di scoprire una forma di morfina che desse meno assuefazione crearono l’eroina. Ma la potenza dell’eroina era il doppio di quella della morfina e la dipendenza da eroina divenne ben presto un problema serio.

Un flacone di tavolette di codeina: tutti gli oppiacei attenuano temporaneamente il dolore ma causano un’elevata assuefazione.

Il Congresso degli Stati Uniti bandì l’oppio nel 1905 e l’anno seguente approvò il Decreto della Food and Drug che imponeva di specificare la composizione di tutte le medicine sulle etichette.

Il metadone fu sintetizzato per la prima volta nel 1937 dagli scienziati tedeschi Max Bockmühl e Gustav Ehrhart presso la società IG Farben. Stavano ricercando un antidolorifico più facile da usare in chirurgia, con un potenziale di dipendenza minore rispetto alla morfina e all’eroina.

Tuttavia, molti credono che il metadone causi più assuefazione dell’eroina.

Intanto il commercio illegale di oppio si sviluppò. Nel 1995 il Sud-est asiatico ne produceva annualmente 2.500 tonnellate.

Nuovi antidolorifici sono usciti sul mercato con l’approvazione della Food and Drug Administration: il Vicodin nel 1984, l’OxyContin nel 1995 e il Percocet nel 1999.

Questi sono tutti oppiacei sintetici (prodotti dall’uomo) che imitano gli antidolorifici propri del corpo.