CRACK

“Vivevo da quasi un anno con un ragazzo dipendente dal crack. Amavo quel tossicodipendente (era il mio ragazzo) con tutto il mio cuore, ma non potevo più andare avanti così.

Il mio ex continuava a rubare e fumava in continuazione. Penso che il crack sia peggiore dell’eroina: una dose può bastare a trasformarti in un mostro immorale.” — Audrey

“Ero diventata dipendente dal crack e ciò mi costava 2.000 dollari la settimana e volevo disperatamente liberarmi da queste catene.”  Jennifer

“L’unica cosa che avevo in mente era il crack. Se qualcuno me ne avesse offerto un po’, l’avrei preso avidamente. È come offrire un pezzo di pane ad un uomo affamato dopo che ha camminato per chilometri. Le cose sono precipitate dopo aver fumato per due settimane di seguito. Un giorno decisi semplicemente che ne avevo abbastanza, non potevo più vivere in quel modo e tentai il suicidio. Ora dovrò provare a farcela e lottare. Spero che il mio istinto di sopravvivenza abbia il sopravvento.”  John

“In sessant’anni non avevo mai usato droga ed avevo bevuto solo in occasioni sociali, ma mai in eccesso. Sono andato in pensione come dirigente di successo che aveva due figlie diplomate al college, e che si era guadagnato la pensione. Tuttavia la mia festa di pensionamento fu l’inizio di cinque anni d’inferno. In quell’occasione ho provato il crack per la prima volta. Nei cinque anni successivi, persi la mia casa, mia moglie, tutte le mie risorse finanziarie, la mia salute, e quasi la vita. Passai anche due anni in prigione.”  William

“Cominciai a fumare il crack e quello fu il momento in cui tutto smise di funzionare. Uscivo con delle persone che a quel tempo consideravo ottimi amici. Sapete, è vero quello che dicono sul crack: ’quando prendi il primo sballo, non puoi più tornare indietro’. Mi ha completamente rovinato. Ha preso il controllo totale su di me. Il crack ha rovinato la mia reputazione, la mia autostima ed il rispetto di me stesso.” Dennis