Ecstasy

BALLARE CON LA MORTE?

L’ecstasy è illegale. La Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti la classifica come droga di Categoria I, descrizione riservata alle sostanze pericolose che non hanno alcun utilizzo medico riconosciuto. Altre droghe di Categoria I sono l’eroina e l’LSD. Le sanzioni per il possesso, lo spaccio e la fabbricazione di ecstasy possono andare dai quattro anni di carcere all’ergastolo e le multe possono andare da 250.000 a 4 milioni di dollari, a seconda delle quantità di droga trovata in possesso della persona.

Tragicamente, l’ecstasy è oggi una delle droghe più diffuse tra i giovani. L’Ufficio sulle Droghe e sul Crimine delle Nazioni Unite stima che i consumatori di ecstasy siano approssimativamente 9 milioni in tutto il mondo. La stragrande maggioranza di essi sono adolescenti e giovani.

Mischiata con l’alcol, l’ecstasy è estremamente pericolosa e, di fatto, può essere letale. Il danno di questa “droga progettata” è così ampio che i casi che finiscono al pronto soccorso sono saliti alle stelle, oltre il 1200% in più da quando l’ecstasy è diventata la “droga del club” scelta per i “rave party” e per le discoteche.

Vuoi davvero festeggiare?

Nikki era come tanti altri ragazzi che vanno ai rave. Sperava di sfuggire ai suoi problemi e divertirsi e decise di far festa per tutta la notte con molti amici. Uno di loro aveva una bottiglietta di ecstasy liquida in auto e tutti loro decisero di berne un po’. Presto la droga prese il sopravvento. Nikki ballò, ballò e ballò, spingendosi ben oltre i suoi consueti limiti. Come disse successivamente uno dei suoi amici e secondo il rapporto della polizia: “Nikki non sentiva nulla”.

Il mattino dopo Nikki era morta. Causa: avvelenamento da droga (ecstasy).

“Ma non succederà a me”, penserai. Forse no, ma vuoi davvero rischiare?

“Ad un rave ho visto un ragazzo pieno d’ecstasy ripetere per ore: ‘Sono un’arancia, non sbucciatemi, sono un’arancia, non sbucciatemi’. Un altro pensava di essere una mosca, e continuava a sbattere la testa contro la finestra.” - Liz

REFERENCES


  1. Drug Enforcement Administration
  2. National Institute on Drug Abuse
  3. Drug Policy Information Clearinghouse
  4. “Club Drugs Facts & Figures,” Office of National Drug Control Policy
  5. United Nations Office on Drugs and Crime World Report 2008
  6. Center for Substance Abuse Research
  7. British Medical Journal
  8. National Institutes of Health
  9. Department of Health (UK)
  10. 2007 National Survey on Drug Use and Health